I Modi Migliori per Eliminare lo Stress (Una Volta per Tutte)

k

Come sarebbe facile eliminare lo stress se solo…

 

..il partner, il collega, il meteo, il lavoro, la crisi, il governo, il gatto fossero diversi 😛

Ma siamo sicuri che siano davvero le circostanze esterne a stressarci?

Alla richiesta del Times di scrivere un saggio dal titolo “ Cosa c’è di sbagliato nel mondo?”
Cherston, uno dei più importanti scrittori britannici di inizio 900 rispose:
“Gentili Signori,
io.
Distinti Saluti
G.K.Cherston”

 

Hai mai conosciuto una di quelle persone che sembrano risucchiarti tutta l’energia?..quelle che quando arrivano portano con sé un ondata di negatività e hanno sempre qualcosa di cui lamentarsi?

Che sia il tempo, lo stress, il governo, la crisi, la società, il troppo lavoro o il poco lavoro.
Quando è caldo è sicuramente troppo caldo, ma quando piove, oh … quando piove è un dramma.

Come ti senti quando sei con una persona del genere?
Come viene influenzato il tuo livello di energia?
E hai mai notato come cambia il tuo umore dopo?

..ora ti voglio chiedere una cosa :

Ti è mai capitato di essere proprio quella persona?
Di fare il “lamentino” e stressarti per ogni cosa?

A molti di noi è successo, magari in uno di quei periodi “neri” in cui il mondo sembra avercela con noi.

Non intendo dire che non ci si debba mai lamentare.. ma è una cosa a cui vuoi prestare molta attenzione perché la tua energia e il tuo cervello ne risentono profondamente, a livelli pratici e misurabili.

L’imprenditore Trevor Blake spiega come 30 minuti al giorno di lamentele di persone a noi vicine, in ambito affettivo o nell’ambiente di lavoro, influisca negativamente sull’ippocampo, una zona cerebrale responsabile anche nella risoluzione dei problemi, e sui neuroni.

La scienza conferma che ascoltare le lamentele provoca stress e inibisce le sinapsi neuronali.

Puoi immaginare gli effetti che questo può avere quando sei proprio tu a parlare a te stesso in questo modo?

A volte è il tuo stesso dialogo interiore ad essere perennemente stressato e a trovare problemi ovunque, anche quando non ci sono.

Ricordati che oggi è il domani per il quale eri in ansia ieri.

E spesso tutte le tragiche conseguenze negative che hai immaginato non si verificheranno oppure, nel caso succeda, sarai in grado di gestirle molto meglio di quello che puoi immaginare.

Ecco 5 modi per prevenire lo stress e smettere di lamentarsi:

1 Presta Attenzione SOLO alla Tua Zona di Potere

«Se non ti piace qualcosa, cambialo. Se non puoi cambiarlo, cambia il tuo atteggiamento. Non lamentarti.»
Maya Angelou

A qualsiasi cosa ti succeda nella vita puoi scegliere come reagire.

Non sto dicendo che sia facile ed immediato, ma che vale la pena provarci e chiedersi:
“Chi decide cosa penso?” .

Per esempio, quando ti qualcuno ti critica, puoi scegliere di offenderti, di piangere e sentirti di poco valore, di arrabbiarti se credi che la persona sia nel torto o di prenderla come un feedback costruttivo per migliorarti.
Se proprio non assomiglia per niente a un feedback ma più a una critica gratuita, beh puoi sempre scegliere di lasciartela scivolare addosso e passare oltre.

In sostanza puoi scegliere. Ecco la tua zona di potere.

E tu hai 4 superpoteri importantissimi : la possibilità di scegliere cosa pensare, che emozioni provare, cosa dire, e come agire.

Pensieri, emozioni, parole e azioni. Ti sembra poco?!

Più sarai in controllo della tua mente più lo stress diminuirà.

Funziona più o meno cosí quindi scegli attentamente i tuoi pensieri!


2 Programma, Programma ancora e Agisci

Questo è il momento perfetto, è ancora periodo di vacanza o comunque ci sentiamo un po’ più rilassati rispetto ai lunghi mesi invernali.

Sta per arrivare settembre, che è un po’ come un secondo capodanno, l’estate sfuma lasciando posto all’autunno e noi siamo pronti con i buoni propositi.

Lascia perdere i buoni propositi! O meglio falli pure, ma programmali.

Ad esempio vuoi cambiare lavoro o trovarne uno?

Vai per step e chiediti di cosa hai bisogno.

Per esempio potresti avere bisogno di un curriculum, ma non uno qualsiasi.
Potresti aver bisogno di un curriculum che tiene conto del lavoro per cui vuoi fare domanda, dei valori aziendali, delle tue specifiche esperienze e abilità in quel campo.

Già fatto?

Potresti aver bisogno di fare una ricerca per settore e area. Andare alle agenzie di lavoro o trovare i migliori siti online. Magari vuoi creare un profilo su linkedin.
Sicuramente hai bisogno di una buona dose di motivazione e ottimismo realista per affrontare la ricerca e il colloquio e di conoscere le tecniche migliori per affrontare un colloquio di lavoro.

Un’ottima gestione dello stress aiuta sempre per mantenere quell’energia positiva che le persone sentono “a pelle” non appena entri in una stanza.

E ora scrivili!

Scrivi tutti i passi che vuoi fare. Dai loro delle tempestiche precise. E a fianco rispondi alle domande :

1“Di cosa ho bisogno esattamente?”
2“È nella mia zona di potere ottenerlo?”
3“Dove posso trovare le risorse per fare questa cosa?”
Lo puoi fare per qualsiasi obiettivo tu voglia raggiungere.
Ma non fermarti alla programmazione.

AGISCI. Agisci ora.

Comincia da un mini step, scegli il più piccolo e mettilo in pratica subito.

Il detto popolare : “ Chi ben comincia è a metà dell’opera” non è mai stato così importante.

Ecco, invece di stressarti e perdere tempo a lamentarti di questo e quello, muoviti, fai il primo passo per raggiungerlo.

 

3 Seleziona, Screma e Valorizza

” Noi siamo la somma delle 5 persone che frequentiamo di più “
Jim Rohn

È bello essere circondato da persone e avere tanti amici.

Ma sei sicuro siano tutti giusti per te?

Se devo essere sincera quando ho letto la frase di Jim Rohn per la prima volta sono rimasta davvero colpita.

La scienza della psicologia ci dimostra come, davvero, più passa il tempo più i nostri pensieri, i modi in cui sperimentiamo le nostre emozioni e ci comportiamo siano

profondamente influenzati dalle persone che sono più vicino a noi.

Quando l’ho letto per la prima ho fatto una lista delle 20 persone che frequentavo più spesso, per scelta o a causa di ambienti e interessi comuni, ho preso due evidenziatori diversi e col primo ho sottolineato quelle che portavano qualcosa di positivo nella mia vita.

Non deve essere qualcosa di concreto, può essere un atteggiamento mentale, un modo di pensare creativo e positivo, un sorriso spesso presente sul volto e un modo di affrontare la vita e i problemi stimolante e positivo.

Poi ho cerchiato quelle persone che si lamentavano spesso senza cercare concretamente soluzioni, quelle persone che preferivano passare il proprio tempo a parlare degli altri o di come fosse stressante il lavoro, gli impegni, la vita.

E ho eliminato dalla mia vita queste ultime.

Non è stato semplice, non le ho fatte uscire dall’oggi al domani ma gradualmente ho ridotto le uscite o le visite.

In molti casi si tratta di persone che non hai scelto consapevolmente ma che si trovano nella tua vita per legami familiari o ambienti comuni.
In questo caso sostituisci le visite e gli incontri con brevi telefonate o messaggi e mi assicurati di dedicare molto più tempo a quelle persone con cui hai uno scambio costruttivo e di crescita reciproca.

Non posso dirti quanto questo negli ultimi dieci anni della mia vita abbia fatto una differenza abissale nella mia vita di tutti giorni e nel mio stress percepito.

Improvvisamente tutto il tempo che passavo ad ascoltare lamentele o gossip su altri è stato riempito da pensieri, discorsi e attività stimolanti e positive.

Prova! Comincia a fare la tua lista e sentirai subito la tensione e la negatività svanire.

4 Sorridi quando qualcosa non va. Ridi quando la situazione peggiora.

Ti sembra assurdo?

Guarda il tutto come se fossero passati 10 o 20 anni, guarda a distanza di tempo come la preoccupazione che hai oggi ti potrebbe far sorridere in futuro.

Pensa a quanto eri preoccupato di una verifica o di un esame ai tempi della scuola. Ti fa sorridere ora vero?

Eppure a quel tempo era la cosa più importante del mondo..magari ti impediva anche di dormire.

Ridi di te stesso e delle tue preoccupazioni e lamentele.

“Chi sa ridere di se stesso è padrone del mondo” scriveva Leopardi. E se lo diceva lui 😉

Sorridere ti permette di inviare al cervello un segnale contraddittorio rispetto al problema e ti porta automaticamente a concentrare la tua attenzione sui lati positivi e sulle possibili soluzioni.

Quando ridi metti in atto un processo per cui crei distacco dalla situazione attuale, stimoli il tuo lato logico e creativo contemporaneamente che ti permette di trovare e attuare concretamente atteggiamenti e soluzioni diverse ed efficaci.

Ogni volta che ti senti stressato o bloccato trova un lato buffo di quello che stai vivendo e di come stai affrontando la situazione e fatti una bella risata 🙂 Fammi sapere come ti sei sentito!

5 Scrivi la Tua Strategia Preferita per Eliminare lo Stress

Ora pensa a come hai affrontato finora lo stress e i problemi e scrivi nei commenti qui sotto qual’è quella che ha funzionato meglio.

Come hai superato un problema o un imprevisto l’ultima volta?

Che strategia hai adottato?

E non mi dire che hai eliminato lo stress lamentandoti 😛

 

 

Related posts:

Pubblica un commento