Le piccole cose che ci danno la felicità

 La felicità è quella cosa che, forse, non sappiamo definire bene, ma che tutti cerchiamo con ansia. A volte la rincorriamo al punto da soffrire di un tremendo malessere a causa delle imposizioni che ci dettiamo. Perché vogliamo essere felici, qualsiasi cosa succeda.

Se chiedete a qualcuno dove si trova la felicità, di solito vi parlerà di oggetti a noi esterni, ad elementi che svaniscono, che sono al di fuori del nostro controllo.

Spesso si dice che la salute, i soldi e l’amore danno la felicità. Tuttavia, non è così: nessuno di questi tre fattori ci rende felici e credere che il nostro stato d’animo dipenda da essi è un grande errore, che alla fine ci porterà ad essere ancora più infelici.

 Dove cerchiamo di solito la felicità?

Purtroppo la specie umana ha generato una moltitudine di convinzioni irrazionali. Si tratta di esigenze e necessità che si trovano solo nella nostra mente, ma che riteniamo verità assolute. Sentenze infrangibili che devono segnare il nostro cammino. Di fatto, metterle in dubbio può causarci le stesse vertigini che ci vengono quando siamo su una ripida scogliera.

Le consideriamo alla pari di un mandato, ci facciamo guidare da esse, le facciamo nostre e le difendiamo anche se ci causano sofferenza.

 

Crediamo, erroneamente, che se soddisfiamo queste necessità ed esigenze, troveremo la felicità; viceversa, se non raggiungiamo le nostre aspettative, ci sentiremo sfortunati. Carichi che non potrà sopportare nessuno, nemmeno noi.

Di solito queste convinzioni fanno riferimento all’approvazione degli altri, alla perfetta realizzazione di un compito rilevante, ai soldi, alla salute, all’avere un partner stabile e con cui vada alla perfezione, all’essere madre, una persona interessante e carismatica, etc.

In realtà ci sono molti tipi di convinzioni ed ogni persona avrà le sue, ma fondamentalmente hanno tutte a che vedere con quanto appena elencato. “Il lavoro nobilita l’uomo”, “Sei troppo vecchia per avere figli”, “I soldi fanno la felicità”, “La salute è la cosa più importante al mondo”…

Per questo motivo, le persone sono solite cercare la felicità in questi fattori, condizione che induce ad avere aspettative poco realistiche e, alla fine, ad essere infelici. Gli studi, infatti, confermano che il numero delle nostre necessità aumenta e siamo più infelici. 

Cosa dà la felicità?

Se possediamo sempre più cose e viviamo sempre meglio, con più abbondanza, perché siamo più infelici? Cosa stiamo sbagliando?

L’errore consiste nel credere che le cose esterne ci renderanno felici. È vero che ottenere il lavoro dei nostri sogni, trovare un partner che ci ami e che ci tratti bene oppure avere molti soldi dà un certo piacere, ma, in realtà, è un piacere a breve termine. Parliamo, inoltre, di piacere e non di felicità.

L’essere umano si abitua in fretta a quello che possiede e necessità sempre più, dunque non ha limiti, non si adatta, con tutte le conseguenze che ne derivano.

Chi non conosce gente multimilionaria che ha rubato? Non aveva forse soldi a sufficienza? Chi non sa di qualcuno che si uccide di lavoro nonostante, per vivere, gli basterebbe lavorare la metà delle ore?

Quando le persone si rendono conto di non essere felici nonostante abbiano tutto, credono che la soluzione sia migliorare quello che hanno già: lavorare di più, cercare di essere più belli, guadagnare di più, viaggiare di più, cercare disperatamente un partner…dunque la caduta sarà ancora più dolorosa.

Queste persone non sanno che la felicità si trova in loro, nel loro atteggiamento, in come decidono di vivere e nella loro scala dei valori.

La felicità consiste nell’apprezzare e godere di quello che si possiede, a prescindere dalla quantità. Vi sono persone che hanno poco e sono molto più felici di chi possiede molte case e grandi fortune.

Non esistono pochi esempi di persone che hanno tutto e si suicidano, dopo aver passato una vita intera assumendo qualsiasi tipo di psicofarmaco.

Se volete essere felici, iniziate ad apprezzare tutto quello che vi circonda e smettete di lamentarvi di quello che vi manca. È quasi impossibile che tutte le aree della vostra vita siano complete, ma questo non vuol dire che non potete essere felici con quello che avete tra le mani.
L’odore di caffè la mattina, il sorriso di vostra figlia, ballare una bella canzone con il vostro partner nel salotto, correre con i cani dietro le farfalle, guardare le stelle, un’interessante conversazione sulla spiaggia mentre arriva la brezza sul viso, aprire una bottiglia di vino e farsi un bagno caldo. Sono queste le piccole cose che danno davvero la felicità, lo sapevate?

Related posts:

Pubblica un commento