Questo esperimento sul cheeseburger ha scioccato milioni di amanti del McDonald’s. Non ci andrò mai più!

Ormai non è un segreto per nessuno che il cibo da fast food non sia la scelta più salutare. Chi mangia hamburger, patatine fritte e e beve bibite gassate corre un rischio più alto di avere il diabete o complicazioni cardiache.

Flickr/ Tony Alter

Alcuni ricercatori dell’Università di Nottingham volevano analizzare cosa succede nella fase digestiva; hanno quindi preso un cheesburger di McDonald’s e lo hanno immerso nell’acido cloridrico per tre ore e mezzo:

YouTube/ Periodic Videos

Hanno filmato l’esperimento e hanno pubblicato il video su Youtube. Fino ad ora è stato visualizzato più di 16 milioni di volte! Se siete degli amanti del fast food forse non dovreste guardarlo. Il video è in lingua inglese:

 

 

L’acido cloridrico si trova nello stomaco e contribuisce alla digestione di tutto quello che ingeriamo. Con un livello di pH tra 1 e 1.5 (quindi molto acido), l’acido cloridrico è forte abbastanza per scomporre il cibo e uccidere i batteri che potrebbero nuocere al corpo. E se non fosse per le mucose, il nostro stomaco si autodigerirebbe!

I ricercatori sono rimasti piuttosto sorpresi vedendo che anche dopo tre ore e mezzo il cheeseburger non era ancora completamente dissolto, hanno invece trovato al suo posto un grumo disgustoso di sostanza vischiosa e scura.

YouTube/ Periodic Videos

Ci vogliono, in genere, dalle 24 alle 72 ore per digerire, ovviamente dipende dal tipo di nutrimento. La macedonia, per esempio, viene processata in 30 minuti, mentre un Big Mac richiede tre intere giornate. Questo dipende dal fatto che gli hamburger sono ricchi di grassi insaturi. Al contrario, frutta e verdura sono molto semplici da digerire.

Flickr/ Robert McDonald

Naturalmente, concedersi un hamburger di tanto in tanto non è grave. Ma la nostra dieta dovrebbe essere basata, per la maggior parte, su cibi freschi, farine integrali, frutta e verdura. Mangiare bene aiuta a prevenire tante malattie e l’accumulo di peso.(fonte)

Related posts:

Pubblica un commento