Questo ragazzino giocava felicemente sulla spiaggia quando improvvisamente ha sentito il braccio di una bimba sotto la sabbia.

e

Era un pomeriggio qualunque sulla spiaggia di Marina Dunes in California. Conner Fitz-Gerald, 11 anni, stava giocando con i suoi amici tra le dune, costruendo castelli di sabbia e saltando da un mucchietto all’altro di sabbia.

 

A un certo punto Conner fa quello che la maggior parte dei ragazzi della sua età fanno quando si trovano al mare: comincia a scavare nella sabbia con le mani. Ma a quel punto lo coglie uno sgomento improvviso: scavando, entra infatti in contatto con qualcosa che sembra proprio essere… un corpo umano! Il cuore di Conner inizia a battere all’impazzata e il ragazzino comincia disperatamente a scavare più a fondo. Quello che trova è inimmaginabile: c’era una bambina sepolta viva! La bocca era piena di sabbia e a malapena respirava. Senza adulti intorno ad aiutarlo, Conner prende una decisione rapida e fatale.

 

Aveva visto tecniche di riabilitazione eseguite in tv e, pur senza avere alcuna formazione specifica, il ragazzo non perde un secondo. Dopo aver liberato la bambina dalla sabbia, Conner comincia a rianimarla con le tecniche di primo soccorso che aveva visto in alcuni spettacoli televisivi.

 

La bambina finalmente riprende a respirare. Conner allora grida per chiedere aiuto e presto arriva un’ambulanza per trasferire la bambina in ospedale. Il suo nome è Alyssa Bostic e ha soli cinque anni. Da quanto tempo era sepolta viva? Poteva davvero sopravvivere più a lungo di così?

In ospedale Alyssa è stata in grado di recuperare pienamente. Ma i medici del pronto soccorso hanno dato subito per certa una cosa: se Conner non avesse reagito prontamente, Alyssa non sarebbe viva oggi. Ora che le cose si sono sistemate, la bimba è in grado di ricordare esattamente come è avvenuto l’incidente.

 

Stava giocando tra le dune e aveva scavato una buca. Ma quando vi si è sporta dentro è scivolata, e la sabbia pesante è crollata su di lei intrappolandola. Il padre di Conner è particolarmente orgoglioso di suo figlio e della reazione rapida che gli ha permesso di salvare la vita di una bambina. Chissà cosa sarebbe successo se Conner non ci fosse stato quel giorno.

 

Potete vedere l’intera storia anche in questo video (in lingua inglese):

 

Questa storia ci dimostra quanto sia importante che anche i bambini conoscano le prime e rudimentali tecniche di rianimazione e primo soccorso. Come Conner ha dimostrato, un’infarinatura di base e un buon istinto possono salvare una vita!

Related posts:

Pubblica un commento